Categories

Most Popular

Most Viewed

Cos’è il franchising? È una buona opzione di investimento?

Cos'è il franchising. È una buona opzione di investimento

Se sei stato morso dal bug imprenditoriale, dovresti tenere presente che sarà molto difficile sbarazzartene, quindi dovrai fare qualcosa al riguardo. Ma non preoccuparti, avere un’attività in proprio non significa sempre partire da zero. A volte è qualcosa di più semplice perché hai il sostegno di una grande azienda dietro di te. Questo è ciò che accade con il franchising. Se sei interessato a questa forma di imprenditorialità, questo articolo ti piacerà. Vediamo cos’è un franchising e se questo modello di business è davvero il più adatto a te!

Ti dico già che questo sistema ha aspetti positivi e negativi, ma che in generale può essere piuttosto interessante, purché tu sia disposto a dare una parte del tuo potere di gestione a un’azienda con un marchio di successo.

Sicuramente avrai sentito in alcune occasioni che il franchising è un processo complesso, ma questo non dovrebbe scoraggiarti. Sono molti gli esempi di imprenditori che hanno raggiunto il successo tramite un franchising, anche se all’epoca sapevano poco o nulla del settore in cui stavano per entrare. L’importante è che tu abbia voglia di imparare, che non procrastini e che segua le linee guida indicate dalla casa madre.

Il mondo del franchising ti sembra interessante? Bene, allora non ti intratterrò più, continua a leggere e scopri tutto ciò che devi sapere su questo modello di business!!

Cos’è un franchising?

Da un punto di vista tecnico possiamo definirlo come un modello di business in cui una persona o un’azienda concede a un’altra il diritto di sfruttare il proprio sistema aziendale in cambio di un corrispettivo finanziario.

Ma per farti capire meglio cos’è un franchising, ti darò una definizione molto più semplice. È un modello di business in cui è possibile svolgere un’attività sotto il nome di un marchio riconosciuto nel mercato. Ma in cambio di questo, questo marchio ti dirà come dovrai portare avanti l’attività e ti addebiterà anche una commissione per questo

Elementi che compongono il franchising

Quello che abbiamo visto finora lo capirai meglio quando conoscerai i diversi elementi che sono sempre presenti in un franchising:

  • Franchisor o affiliante: è la persona o l’azienda che possiede il marchio e il know-how.
  • Franchisee o affilato: è colui che inizia la sua attività sponsorizzata dal marchio del franchisor. Potresti essere te stesso nel prossimo futuro.
  • Brand: questa è la chiave quando si tratta di capire come funziona un franchising, poiché il successo del franchisee dipende dalla capacità di rispettare l’immagine del brand che il franchisor ha creato. Il marchio è ciò che rende il franchising riconosciuto e ciò che consente di intraprendere attraverso questa formula di avere meno rischi rispetto all’avvio di un’attività interamente da zero.
  • Know how: sono tutte le conoscenze, quei processi e sistemi che hanno portato il marchio al successo. È ciò che fa sì che, se decidiamo di mangiare in un ristorante Old Wild West, non notiamo molta differenza nel cibo, nel servizio o nella decorazione, indipendentemente dal fatto che ci troviamo in uno dei suoi stabilimenti a Milano, Roma o altrove.
  • Contratto: è il documento legale che lega il franchisor e il franchisee. Attraverso di esso, il franchisor conferisce all’affiliato il diritto di utilizzare il proprio marchio e trasmette il proprio know-how, mentre l’affiliato si impegna a rispettare i processi e i sistemi del marchio, e a pagare gli importi concordati.

Tipi di franchising

Ora che sai cos’è un franchising e conosci i suoi elementi di base, è tempo di complicare un po’ le cose, perché non tutti i franchising sul mercato sono uguali. Esistono diverse modalità che dovresti conoscere.

Franchising in base al tipo di attività

  • Industriale: in questo modello di business, il franchisee e il franchisor sono all’interno del settore industriale e ciò che viene fatto è assegnare il diritto di fabbricare determinati prodotti.
  • Distribuzione: qui l’affiliato è un semplice distributore che si occupa di fornire i prodotti del franchisor.
  • Servizi: il franchisee fornisce all’affiliato il know-how per fornire correttamente un determinato servizio.
  • Commerciale: è il modello più diffuso, in cui l’affiliato si occupa della vendita dei prodotti del franchisor.
  • Produzione: il franchisor è responsabile della produzione e il franchisee della vendita.

Franchising in base al rapporto tra franchisee e franchisor

  • Master: l’affiliato ha il diritto di sviluppare un’azienda seguendo lo stesso processo del franchisor e la stessa strategia in un’area specifica. La sua caratteristica principale è quella di consentire il sub-franchising.
  • Area di rappresentanza: il franchisee non solo acquisisce il know-how ma si impegna anche nella ricerca di talenti per l’azienda, e ne supervisiona l’attività.
  • Multiplo: implica il possesso di più franchising dello stesso marchio.
  • Partecipazione aggiuntiva: una delle parti fa parte della partecipazione dell’altra. La cosa comune è che il franchisor diventa un partner del tuo affiliato.

Franchising in base alla tua posizione

  • Online: in questo caso non esiste una sede fisica in quanto tale, il che riduce notevolmente i costi di ingresso in azienda.
  • Corner: l’attività si svolge nei locali di un’altra attività.
  • Franchising Shop in Shop: è simile al modello precedente, ma la decorazione è solitamente implementata in modo che il cliente finale non noti che si tratta di 2 attività diverse.
  • Regionale: viene trasferito il diritto di sfruttare più franchising in una determinata area geografica.

Come funziona un franchising Naturhouse?

L’azienda Naturhouse è stata fondata nel 1986 e attualmente ha più di 2.300 centri in 30 paesi. Si è specializzata nella consulenza nutrizionale abbinandola alla vendita di integratori alimentari a base di estratti naturali.

Solitamente esegue contratti di master franchising, in modo che un affiliato possa acquisire i diritti di sfruttamento in una determinata area, anche in un intero Paese.

Cos’è un franchising Lizarran?

Il marchio Lizarran è nato più di 30 anni fa a Barcellona e poco a poco ha iniziato a diffondersi, fino a diventare una delle taverne più famose. Oggi conta più di 200 stabilimenti sparsi in tutta la geografia spagnola e più di 30 in altri Paesi. Uno dei suoi punti di forza è che si impegna a formare e consigliare i suoi affiliati, in modo che l’immagine del marchio sia esattamente la stessa in tutti i suoi negozi.

Franchising Bershka

Ho scelto Bershka come esempio, ma la verità è che uno qualsiasi dei marchi del Gruppo Inditex sta emergendo come una buona opzione di franchising, in quanto sono marchi riconosciuti a livello internazionale con un volume di vendite elevato.

Perché scegliere il modello di franchising come opzione di investimento?

Se vai a una fiera in franchising o chiedi informazioni ad aziende i cui affari ti interessano, dipingeranno tutto in modo molto bello. Ma, come puoi immaginare, in un franchising tutto ciò che luccica non è oro. Questa forma di imprenditorialità presenta anche alcuni inconvenienti di cui è importante essere consapevoli.

Inizieremo esaminando i vantaggi che comporta, e poi vedremo gli aspetti negativi. In questo modo potrai prendere la tua decisione in modo più consapevole!

Vantaggi del franchising

– Non inizi da zero

Avviare un’attività completamente da zero è qualcosa che può causare molta paura e incertezza,  perché non sai se l’idea sarà buona e se funzionerà o meno. Tuttavia, questo non accade con il franchising.

Entri subito in un’attività che è già stata provata e testata, e che ha dimostrato di avere successo. Con prodotti o servizi che i consumatori già conoscono e sono disposti ad acquistare.

– Il franchisor ti trasmette il suo know-how

L’affiliante metterà a tua disposizione tutti i mezzi necessari per raggiungere il successo. Ciò implica la formazione in tutte le aree necessarie per gestire il business e il trasferimento delle proprie strategie per avere successo.

Il franchisor ti trasmette la sua esperienza e questo è qualcosa di inestimabile. Se avessi iniziato la tua attività completamente da zero, ci vorrebbero anni per progettare un sistema che sia totalmente efficace e dia buoni risultati. Inoltre, dovresti sicuramente investire molti soldi nella formazione per imparare a gestire il business.

– Hai già un’immagine di marca

Tutte le aziende e i liberi professionisti sanno che costruire un’immagine di marca è essenziale per attirare i clienti. Ma questo non è né facile né veloce, e ogni piccolo errore può rovinare tutto ciò che hai ottenuto.

La cosa buona di entrare in un sistema di franchising è che ti risparmi tutte le preoccupazioni e il lavoro relativi alla creazione dell’immagine del marchio, poiché ciò viene fatto dalla società madre. In questo modo, hai la sicurezza di raggiungere il mercato con un prodotto o servizio già riconosciuto e che ha già clienti fedeli.

– Hai aiuto durante tutto il processo di avvio

Quando arriva il giorno di aprire per la prima volta le porte della tua attività, provi un’emozione impareggiabile. Ma per arrivare a quel punto, devi prima passare attraverso un labirinto di pianificazione, processo decisionale e scartoffie.

Per avviare un’impresa occorre cercare uno stabilimento nel posto giusto, negoziare un buon prezzo e un contratto il più vantaggioso possibile per te, ottenere le relative licenze amministrative e molto altro ancora.

Tutto questo può richiedere mesi e generare molto stress, perché è un argomento che ti è sconosciuto e che non sai benissimo come affrontare. Ma se inizi con un franchising, non sarai solo in questo processo.

La maggior parte dei franchisor aiuta i propri affiliati in tutto il necessario in modo che possano aprire la loro attività. Alcuni offrono addirittura un servizio “chiavi in ​​mano” , il che implica che il franchisor si prenda cura di tutte le pratiche burocratiche e lasci a te l’attività pronta per te da sfruttare, senza doversi preoccupare di eventuali formalità legate all’apertura.

– Altri vantaggi del franchising

Oltre a questi vantaggi che abbiamo visto, intraprendere un franchising ha altri vantaggi:

  • È possibile acquisire lo stock con condizioni di acquisto più favorevoli.
  • Non devi fare pubblicità.
  • L’accesso al finanziamento è più agevole grazie agli accordi di collaborazione del franchising con alcuni soggetti finanziari.
  • Il franchising continua a innovare in prodotti e servizi che puoi vendere in seguito.

Svantaggi del franchising

– L’ingresso e il soggiorno in franchising sono generalmente costosi

Sebbene oggi ci siano quelli che sono conosciuti come franchising “low cost”, la verità è che questo modo di fare affari non è affatto economico. In condizioni normali, sarebbe più economico per te preparare un normale hamburger piuttosto che entrare nella catena Burger King.

Di norma devi pagare un biglietto d’ingresso che copra costi come formazione e pubblicitàInoltre, a seconda del reddito che ottieni con la tua attività, dovrai pagare una serie di royalties, quindi non tutto il profitto della tua attività andrà in tasca.

– Non c’è quasi spazio per la creatività

Un franchising non è un’attività in cui avrai libertà quando crei nuovi prodotti/servizi, o offri promozioni ai tuoi clienti. Tutti questi problemi sono affrontati dal marchio principale e la violazione delle loro linee guida potrebbe comportare un qualche tipo di sanzione.

– Il potere del franchisor è piuttosto alto

Questo ha molto a che fare con quanto sopra. Anche se sei il titolare dell’azienda, in realtà il tuo potere di gestione sarà sempre limitato dal franchisor, che sarà colui che prenderà le decisioni importanti.

In alcuni casi, il franchisor potrà anche estinguere il contratto o imporre limitazioni alla vendita o al trasferimento dell’attività.

Come iniziare con un franchising?

Spero di averti spiegato finora tutto ciò che ti possa aiutare a capire meglio come funziona un franchising. Ora è il momento di fare un ulteriore passo avanti e vedere alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a prendere la decisione finale sull’opportunità o meno di investire in questo modello di business.

Per iniziare, ricorda che devi avere tempo da dedicare al tuo progetto

La pianificazione è una delle chiavi del successo, quindi dedica tutto il tempo necessario!!!

1) Valuta i pro e i contro del franchising

Hai già visto che questo modello di business ha i suoi lati positivi e negativi. La mia raccomandazione è di valutarlo su una scala particolare e decidere se per te le cose positive prevalgono su quelle negative, o viceversa.

2) Scegli bene il franchising

Se hai deciso di andare avanti ed entrare a pieno titolo nel mondo del franchising, è il momento di scegliere il franchisor. E questo non è affatto facile.

Oggi ci sono franchising praticamente in tutti i settori, quindi la tua prima decisione dovrebbe essere su quale entrare. Una volta che lo hai chiaro, devi iniziare un arduo compito di ricerca, perché non dovresti “arrenderti” con la prima opzione che trovi.

Vi porto come esempio il settore delle lavanderie self-service, che negli ultimi anni si è molto sviluppato: È redditizio e l’investimento iniziale non è troppo alto, ma ci sono molti franchising che operano in esso e non tutti ti offriranno le stesse condizioni.

La mia raccomandazione è che ti informi molto bene. Contatta i franchising che ti interessano e chiedi informazioni, ma fai anche il tuo studio con l’aiuto di Internet e dei media specializzati. Più informazioni hai, meglio puoi decidere!

Alla fine di questo studio, dovresti tenere come opzioni 2 o 3 franchising, che saranno quelli tra cui sceglierai.

Prima di prendere la decisione intervista personalmente i franchisor. Di persona ti daranno maggiori informazioni sulle condizioni che richiederanno come affiliato e sulla redditività che potresti ottenere. In queste interviste, non esitare a chiedere tutto ciò che ritieni necessario!!

3) Rivedi fino all’ultimo punto del contratto di franchising

Una volta scelto il franchisor con cui vuoi lavorare, arriva uno dei momenti più delicati: la firma del contratto. Tieni presente che non si tratta mai di una negoziazione equa. Quindi l’azienda ti offrirà lo stesso contratto standard di tutti i suoi affiliati.

Ma questo non significa che tu non abbia alcun margine di manovra. Se giochi bene le tue carte, la società madre potrebbe supportare alcuni tuoi “aggiustamenti” (non troppi).

Il contratto è il documento legale in cui sono stabiliti i tuoi diritti e doveri e quelli del franchisor, quindi una volta che apponi la tua firma, sarai vincolato da tutti i punti inseriti. Il mio consiglio è di non firmarlo mai senza prima aver consultato uno specialista legale!!

Ci sono avvocati specializzati in questa materia. Credimi quando ti dico che ti pagherà a lungo termine disporre di una consulenza e farti spiegare il contratto punto per punto prima di apporre la tua firma. In questo modo potrai sapere se quello che stai per firmare è DAVVERO quello che ti è stato detto!!

Una volta compreso bene il contenuto del documento e non avere dubbi, puoi firmare il contratto e diventare un affiliato.

4) Entra completamente nel processo di franchising

Dopo aver firmato il contratto, la tua vita diventerà un vero caos per alcune settimane, perché ci sono centinaia di cose da fare prima di aprire le porte della tua attivitàImmergiti completamente nel processo e non dimenticare di divertirti, perché sarà difficile ma ti aiuterà anche ad imparare!

Sfrutta al massimo la formazione fornita dal franchising e non esitare a chiedere aiuto quando ne hai bisogno!! 

RICORDA: La casa madre è la prima interessata al tuo “buon operare”, perché più tu guadagnerai, più guadagnerà la società stessa. Quindi sarà sempre pronta a supportarti!!

Certo, cerca di non lasciare la piega in qualsiasi momento. Le regole che ti danno riguardo alla decorazione dei locali, marketing, offerte, processi, personale, ecc… sono lì per essere rispettate e soddisfatte. Fanno parte di quel prezioso know-how a cui abbiamo fatto riferimento prima, e senza di loro l’attività non potrebbe funzionare come ti aspetti.

Se ti integri bene nel franchising sin dal primo momento e ti adatti al loro modo di lavorare, sarai un passo avanti verso il successo. Tuttavia, se una volta che la tua attività è attiva e funzionante ritieni che non stia producendo la redditività che dovrebbe, verifica immediatamente con il franchisor per scoprire cosa non va e agisci prima che sia troppo tardi.

Conclusione

Lavorando duramente, farai progredire la tua attività e diventerai un’altra storia di successo del franchising a cui appartieni. Ma ricorda che iniziare un franchising non è una garanzia di nulla. Se non fai le cose correttamente, potresti fallire e perdere molti soldi lungo la strada!!

Pertanto, il miglior consiglio che posso darvi in ​​questo caso è di seguire alla lettera tutte le linee guida imposte dalla casa madre!!

Trova altri articoli che potrebbero interessarti qui su bloginvestimenti: